Adotta un cristiano di Mosul

 

Papa Francesco e la Chiesa irakena ci spingono da mesi a non assistere “inerti e muti”, a non “volgere lo sguardo da un’altra parte” verso i nostri fratelli e sorelle perseguitati a causa della fede.

Il papa chiede poi a tutti i cristiani una “preghiera intensa”, una “partecipazione concreta” e un “aiuto tangibile” per tutti loro. Per questo AsiaNews, da mesi, ha lanciato la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” che ha permesso la raccolta e l’invio di circa 1,2 milioni di euro per il fabbisogno quotidiano dei profughi irakeni fuggiti da Mosul sotto le minacce dello Stato islamico. I loro bisogni continuano ad essere enormi e il loro ritorno a casa non è per nulla immediato. A causa di ciò, i vescovi stanno progettando il passaggio dall’emergenza durata fino ad oggi a una situazione più stabile. Il progetto prevede il trasferimento di tutti i rifugiati cristiani – circa 130mila persone, 21mila famiglie – in case da abitare, dove essi possono riprendere responsabilità della loro vita, trovare un lavoro, pensare a un futuro prossimo per i figli. AsiaNews invita lettori e amici a continuare la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” per raccogliere contributi che sostengano le spese per questo progetto, il cui costo si aggira sui 3,5 milioni di euro.

Vai alla notizia