pharmacie en ligne cialis canada viagra générique prix belgique achat en ligne viagra quebec ordonnance cialis explemple achat cialis sans ordonnance acheter viagra original au comptoir

Il Sovrano Militare Ordine di Malta entra a far parte del progetto Stand Together per il supporto ai cristiani perseguitati

L’Ordine di Malta si è aggiunto al progetto “Stand Together” che mira a supportare, attraverso la comunicazione, le minoranze cristiane. La volontà di partecipare è stata nuovamente sottolineata dal responsabile delle iniziative umanitarie dell’ordine, proprio durante l’evento tenutosi nella sede dell’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede.

DOMINIQUE DE LA ROCHEFOUCAULD-MONTBEL
Grande Ospedaliere dell’Ordine di Malta
“Abbiamo deciso di entrare a far parte del progetto perché credo sia necessario promuovere un alto livello di solidarietà. Noi siamo presenti in Medio Oriente da molti anni e abbiamo visto la sua trasformazione a causa di conflitti, disperazione, odio. Ora molti cristiani se ne stanno andando. Anche se li sosteniamo fornendo loro lavori e una buona educazione, i bambini continueranno ad andare via”.

“Stand Together” riunisce le organizzazioni che supportano i cristiani e quelle che ne diffondono la voce attraverso i mezzi di comunicazione, al fine di aiutare a diffondere le testimonianze dei cristiani perseguitati. E mostrare loro che non sono soli.

DOMINIQUE DE LA ROCHEFOUCAULD-MONTBEL
Grande Ospedaliere dell’Ordine di Malta
“Questo è un modo valido di aggiungersi ad altre entità nell’azione attraverso i mass media, i siti web, Twitter, Facebook. È una modalità che permette di incanalare un gran numero di fatti e aiuta a diventare più consapevoli. Si può informare la gente in modo meno istituzionale”

La filosofia del progetto “Stand Together” è quella di aiutare le minoranze cristiane attraverso la comunicazione della loro esperienza e incontri diretti con loro.

IGNACE YOUSSEF III YOUNAN
Patriarca siro-cattolico di Antiochia
“Adesso non si può parlare di più di 250-300 mila; il numero di cristiani che erano in Irak prima dell’ invasione del 2003 era più di 1 milione”

Roberto Fontolan, del Centro Internazionale di Comunione e Liberazione, è uno dei principali promotori, che collabora attivamente con Rome Reports.

ROBERTO FONTOLAN
Centro Internazionale di Comunione e Liberazione
“(Lo scopo è) far conoscere a tutti il gran bene che è la presenza dei cristiani in queste regioni segnate dalla violenza e dalla tribolazione. E in questo, il  grande bene che la libertà religiosa assicura alla vita dell’ uomo e della società”.

ANTONIO OLIVIÉ
CEO di Rome Reports
“Cercare di trasmettere, di far conoscere tutto quello che accade in Medio Oriente, tutta questa persecuzione, è importante. E possiamo riusciere a farlo se c’è un livello di qualità, per fare un racconto che arrivi alla gente”.

Il motore di “Stand Together” è la pagina web e i profili Facebook e Twitter, che diffondono le storie di umanità rispetto alla grande sfida che le minoranze cristiane si trovano ad affrontare in Medio Oriente.