“Possiamo imparare molto dalla forza, la fede e la capacità di perdono dei cristiani perseguitati”

Il progetto #StandTogether è stato presentato al Meeting di Rimini.

Il perdono, la speranza e la forza sono alcune delle virtù praticate dai cristiani perseguitati nel mondo, quando si trovano ad affrontare situazioni di difficoltà. Lungi dal compatirli, il progetto #StandTogether invita invece tutti ad imparare da loro.

Antonio Olivié, CEO di Rome Reports, ha presentato gli sviluppi di questa iniziativa al Meeting di Rimini, sottolineando il principale obiettivo di #StandTogether: far conoscere e divulgare storie che possano essere fonte di ispirazione per tanti.

ANTONIO OLIVIÉ
CEO, Rome Reports TV News Agency
“Parecchie volte ci domandiamo cosa possiamo fare per i cristiani perseguitati. Penso però che questa non sia la domanda giusta. Per noi la domanda giusta è: che cosa possiamo imparare di loro. Quando uno vede il loro coraggio, il perdono, il loro rapporto con i musulmani…Penso che ci sono molte cose che noi dobbiamo imparare di loro”.

Attraverso brevi video della durata di meno di tre minuti, si raccontano storie straordinarie di chi sperimenta la sofferenza ma non sceglie mai di reagire con violenza.
Questa iniziativa è realizzata in collaborazione con volontari ed enti che lavorano con le vittime di persecuzione.

ROBERTO FONTOLAN
Direttore del Centro Internazionale di Comunione e Liberazione
ORIGINALE ITALIANO
https://www.youtube.com/watch?v=N3KdOx6fHhI 15:03
“Lo scopo fondamentale in termini di contenuto è far conoscere la storia, la realtà, l’esperienza dei cristiani di questi Paesi, far conoscere la positività della loro presenza, capire cosa stanno dicendo a noi ed essere aiutati noi da loro”.

Televisioni di tutto il mondo trasmettono queste storie, che sono anche pubblicate sul sito www.allstandtogether.com per poi essere rilanciate tramite account Twitter e Facebook di Stand Together. Tutti i video sono disponibili in inglese, italiano e spagnolo e molto presto anche in russo e in francese.