Il perdono di padre Naim

Padre Naim Shoshandy, un iracheno di 34 anni, ha vissuto tutta la sua vita circondato da guerre e orrori. Ha visto l´uccisione di suo fratello, solo per il fatto di essere cristiano, e ha visto la sua famiglia costretta a fuggire da Qaraqosh nel 2014 dall´arrivo di Daesh.

Racconta la sua esperienza nel campo profughi di Erbil, sottolineando l´importanza della fede e del perdono per ricostruire le loro vite. Essere sicuri che Dio sia con loro: questa è la testimonianza che il mondo si aspetta.

Maggiori informazioni: Religión en Libertad