Venerdì Santo, colletta straordinaria per la Terra Santa

La collezione del Venerdì Santo è destinata ai cristiani della terra di Cristo.

Si ricorda ogni anno perché ogni anno è necessario non dimenticarlo: ogni santo venerdì le offerte delle messe sono destinate alla Terra Santa.

Il cardinale Leonardo Sandri spiega che questa giornata non punta solo a raccogliere fondi, ma anche a sensibilizzare i cristiani di tutto il mondo. È in gioco infatti la conservazione dei luoghi in cui Cristo ha vissuto e, soprattutto, la presenza cristiana in quelle terre.

CARD. LEONARDO SANDRI
Prefetto per la Congregazione delle Chiese Orientali
“La colletta per la Terra Santa è destinata ai luoghi santi, ma non solo. Viene destinata anche alle “pietre viventi”, che sono tutti i nostri fratelli, cristiani e non cristiani. La misericordia di Dio è per tutti e le opere che la Chiesa fa sono per tutti i nostri fratelli. Come le scuole, gli ospedali e le opere di assistenza che sono sostenute da questa colletta”.

Queste opere aiutano la popolazione dei luoghi santi. Ci sono centri educativi e sanitari, borse di studio, seminari, posti di lavoro o anche appartamenti per famiglie o giovani sposi a un prezzo accessibile. L’obiettivo è evitare la diaspora dei cristiani della Terra di Cristo.

CARD. LEONARDO SANDRI
Prefetto per la Congregazione delle Chiese Orientali
“Questa colletta è destinata non solo ai luoghi, ma anche alle persone. Qual è lo scopo? Portare consolazione e sostegno a coloro che mantengono la fede ricevuta dagli apostoli e dalla Chiesa primitiva”.

La violenza in Iraq o la guerra in Siria hanno portato ad un disastro umanitario che colpisce l’intera regione con forti ripercussioni in Libano e Giordania.

Anche se nel mezzo della tragedia, in Iraq è arrivato un raggio di speranza con la liberazione della Piana di Ninive che sta per essere ricostruita.

Queste emergenze hanno causato la necessità di maggiori contributi. Pertanto, oggi più che mai, questo contributo concreto aiuterà coloro che hanno più bisogno.

CARD. LEONARDO SANDRI
Prefetto per la Congregazione delle Chiese Orientali
“È molto facile parlare di guerra, persecuzione, odio, divisione, esilio, migrazione… ma in questa colletta del Venerdì Santo hai un’opportunità concreta di dire basta alle parole e offrire un aiuto concreto ed efficace per tutte le persone che soffrono. E questo grazie agli ospedali e a tutte le altre istituzioni che assistono i nostri fratelli in quei paesi”.

Questa colletta andrà a beneficio di cristiani e non cristiani in tutta la Terra Santa, nei luoghi in cui ha preso vita il cristianesimo, come Gerusalemme, Palestina, Israele, Giordania, Cipro, Siria, Libano, Egitto, Etiopia, Eritrea, Turchia, Iran e Iraq.