La speranza di Cristo nei campi profughi ugandesi

Nei campi profughi ugandesi è emergenza. Sono le parole di suor Lorena Ortiz, religiosa comboniana, che lancia l’allarme sulle condizioni dei rifugiati sudsudanesi. Per i ragazzi non ci sono molte opportunità per continuare gli studi e i malati sono tanti e non sempre hanno le cure adeguate.

Le suore comboniane organizzano momenti di preghiera e di lettura delle Sacre Scritture e tengono accesa la fiammella della fede, confidando in Cristo, in quella difficile situazione. Curano anche progetti di microcredito per aiutare le donne a organizzare piccole attività agricole e commerciali.

Maggiori info: Fides.org