Papa Francesco e Mar Gewargis III, insieme per i cristiani

Una comune sofferenza per la drammatica situazione dei cristiani in Medio Oriente, specialmente in Iraq e Siria. Questa la dichiarazione congiunta firmata dal Papa e dal Catholikos Patriarca della Chiesa assira dell’Oriente, Mar Gewargis III, al termine dell’udienza di pochi giorni fa.

“Già da decenni, il Medio Oriente è diventato un epicentro di violenza – recita il documento -. Centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini innocenti soffrono immensamente a causa di violenti conflitti che niente può giustificare. […] Stare insieme al fianco dei nostri fratelli e sorelle perseguitati per essere voce di chi non ha voce. […] Vogliamo affermare ancora una volta che non è possibile immaginare il Medio Oriente senza cristiani. Questa convinzione è fondata non semplicemente su motivazioni religiose, ma anche sulla realtà sociale e culturale, dal momento che i cristiani, con gli altri credenti, danno un grande contributo alla specifica identità della regione: un luogo di tolleranza, mutuo rispetto e accettazione. Il Medio Oriente senza i cristiani non sarebbe più il Medio Oriente”.

“Muri e giochi di potere non condurranno alla pace, poiché la vera pace può essere ottenuta e preservata soltanto tramite il reciproco ascolto e dialogo”, la proposta contenuta nel testo, in cui viene lanciato ancora una volta un appello alla comunità internazionale a “promuovere soluzioni politiche che riconoscano i diritti e i doveri di tutte le parti coinvolte”, partendo dal “bisogno di garantire i diritti di ogni persona”.

Leggi l’articolo su: Agensir.it