Papa Francesco è vicino ai cristiani in Siria

“Preghiamo e aiutiamo i cristiani a rimanere in Siria e in Medio Oriente come testimoni di misericordia, perdono e riconciliazione”, ha detto il Papa.

Il Papa ha aderito alla campagna mondiale “Candele per la pace in Siria”. E lo ha fatto con questo gesto.

FRANCESCO
Vorrei fare mia la speranza di pace dei bambini della Siria, dell’amata Siria, martoriata da una guerra che dura ormai da otto anni. Per questo, aderendo all’iniziativa di “Aiuto alla Chiesa che Soffre”, accenderò ora un cero, insieme a tanti bambini che faranno lo stesso, bambini siriani e tanti fedeli nel mondo che oggi accendono le loro candele”.

Il Papa ha chiesto alle migliaia di pellegrini di pregare per la pace in Siria e per i cristiani che hanno deciso di rimanere nel paese.

FRANCESCO
“Preghiamo e aiutiamo i cristiani a rimanere in Siria e in Medio Oriente come testimoni di misericordia, di perdono e di riconciliazione”.

La campagna “Candele per la pace in Siria” è iniziata pochi giorni fa in parrocchie e scuole come questa in Siria.

Nelle città colpite dalla guerra come Homs, Aleppo e Damasco, le principali vittime del conflitto hanno decorato le candele e le hanno accese per chiedere la pace nel loro paese.

Ora quelle candele stanno girando il mondo per ricordare la loro drammatica situazione e raccogliere aiuti.

La candela accesa di Francisco ha la sua storia. È stata preparata da suor Annie Demerjian insieme ad un artigiano del quartiere Bab Touma, situato nel centro storico di Damasco. Rappresenta i volti di circa 40 bambini di Aleppo.

Suor Annie è una delle protagoniste di questa campagna della Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre.

Questa organizzazione incoraggia tutto il mondo ad unirsi al gesto del Papa ed a sostenere i cristiani in Siria durante questo Natale.

Con i proventi di questa campagna sperano di sostenere le famiglie che non hanno lasciato la Siria, affinché il cristianesimo non scompaia da questo Paese. Prima della guerra erano il 10% della popolazione, e ora sono solo il 3%.