Cattedrale e Moschea, “inaugurazione parallela”

Egitto. La nuova cattedrale copta e la Grande Moschea sono state ufficialmente inaugurate. La cosa particolare è che entrambe sono state costruite e inaugurate

Nella nuova area urbana, a 45 km dal Cairo, destinata a diventare la nuova capitale amministrativa dell’Egitto, sono state recentemente inaugurate la nuova cattedrale copta e la Grande Moschea. Le cerimonie ufficiali di inaugurazione, avvenute domenica 6 gennaio, vigilia del Natale copto, sono state volute dalla leadership politica egiziana come un momento di chiaro valore simbolico per rilanciare l’immagine di un Paese fondato sulla convivenza tra comunità e identità religiose diverse, unite nel comune rifiuto del terrorismo e del settarismo che ne minacciano la stabilità politica e sociale.  Alle cerimonie era presente anche una delegazione dell’Università sunnita di al Azhar, guidata dal Grande Imam Ahmed al Tayyb, insieme al Presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi.

In questa occasione, lo Sheikh al Tayyib ha ricordato che la maggior parte delle chiese copte sono state costruite dopo che in Egitto si era già diffuso l’islam e che tale dato storico basta da solo a smentire, come gravemente erronee e fuorvianti, le fatwa emesse da esponenti islamici che condannano e pretendono di impedire la costruzione di chiese nelle terre abitate da musulmani.

Leggi la notizia sul sito: Fides.org