Un nuovo accordo dà speranza ai cristiani sudanesi

I leader militari e politici del Sudan hanno firmato un nuovo accordo per istituire un governo civile nel Paese islamico. Questo accordo può aiutare i cristiani a raggiungere la libertà religiosa.

Secondo il Dipartimento di Stato, i cristiani rappresentano solo il 3 per cento dei 43,1 milioni di persone che vivono in questo Paese musulmano, dove si applica la sharia. “In un ambiente in cui l’Islam è la religione principale, la rabbia e le rappresaglie ricadono sempre sulle chiese”, dice un pastore cristiano che per sicurezza chiede di mantenere l’anonimato.

L’accordo istituisce tre autorità, secondo il Middle East Eye, tra cui un consiglio sovrano, un consiglio dei ministri e un consiglio legislativo. Il potere è in mano al consiglio sovrano, che comprenderà cinque membri militari e cinque membri civili.

Info: BP NEWS