Aiuto alla Chiesa che soffre dà supporto ai sacerdoti venezuelani “perché dare supporto a loro vuol dire aiutare un popolo che soffre”

In Venezuela riempire il carrello della spesa di una famiglia costa più o meno 300 dollari al mese, mentre lo stipendio medio di un lavoratore, in tanti casi, non supera i 5 dollari al mese.

Javier Menéndez Ros.
Direttore di ACS in Spagna
“Attualmente è uno dei Paesi al mondo che sta soffrendo la maggior crisi umanitaria: crisi di rifugiati, crisi di valori, crisi politica e crisi che sta colpendo tutti gli strati della società. Aiuto alla Chiesa che Soffre non può fare altro che darsi da fare per questo Paese, per la Chiesa di questo Paese, che in questo momento è una Chiesa autenticamente samaritana, che sta insieme ai più svantaggiati e ai più bisognosi.

Un esempi del lavoro di Aiuto alla Chiesa che Soffre sono queste mense sociali, che sono presenti in quasi tutte le parrocchie venezuelane. I sacerdoti sono una mano sempre tesa che non viene mai meno. Uno di questi è Angel Colmenares, sacerdote a Catia la Mar, molto vicino a Caracas.

“La Chiesa soffre con il suo popolo. Nonostante la pessima situazione in Venezuela, ho deciso di essere sacerdote per mettermi al servizio del mio Paese”

Un altro esempio del contributo della Chiesa è la mensa sociale a San Sebastian de Maiquetía. Qui mangiano 150 persone tra bambini, anziani, padri e disabili. Nell’agosto 2016 servivano i pasti solo il lunedì ma oggi la mensa funziona 5 giorni a settimana. 

Aiuto alla Chiesa che Soffre assiste più di 1200 sacerdoti di tutto il Paese, perché aiutare loro vuole dire garantire che centinaia di famiglie possono mangiare decentemente almeno una volta al giorno. 

Javier Menéndez Ros.
Direttore di ACS in Spagna
“Specialmente i sacerdoti stano diventando gli artifici di tantissime opere sociali attraverso le  “ollas solidarias (pentole solidali)”, le mense sociali, aiutando i più bisognosi, mettendosi al servizio del popolo quando ha più bisogno, ascoltando le persone, e certamente celebrando i sacramenti con loro. Sostenere i sacerdoti è sostenere l’ azione caritativa della Chiesa in Venezuela, e questo lo facciamo attraverso le offerte della messa”

Anche il lavoro delle suore è enorme. Le Missionarie Eucaristiche di Nazaret gestiscono una mensa e un centro di formazione per donne, perché possano imparare un mestiere e guadagnarsi da vivere. Le suore offrono un aiuto materiale e spirituale fondamentale. 

Aiuto alla Chiesa che Soffre dà sostegno alle suore, ai preti e anche ai giovani attraverso le parrocchie. Dei 4 milioni di persone che sono fuggite dal Venezuela a causa della crisi, la maggior parte sono giovani . Per questo, la Chiesa venezuelana aiuta soprattutto questi, perché non perdano la speranza poiché proprio loro saranno gli artifici di un futuro migliore per il Venezuela