Mons. Couto: contro la rivolta a Delhi, preghiere e aiuto fra le religioni

Come riportato dall’agenzia Asia News, al termine della messa del mercoledì delle Ceneri, mons. Anil. JT Couto, arcivescovo di Delhi, ha preso parte ad una preghiera interreligiosa per la pace insieme ai leader spirituali di varie religioni.

L’arcivescovo racconta come al termine della messa si siano riuniti in maniera spontanea e abbiano pregato tutti insieme. In seguito allo scatenarsi di violenze religiose, che hanno già causato decine di morti, a causa delle proteste sulla nuova legge sulla cittadinanza, i rappresentanti cristiani, indù, musulmani, sikh e giainisti hanno rinnovato l’appello “per la pace e la non violenza” e a “seguire il cammino di amore reciproco”.

L’arcivescovo ha poi sottolineato come l’India sia la nazione dell’unità nella diversità e come al termine dell’incontro si sia deciso che tutte le chiese e i gurdwara sikh della capitale rimangano aperti per fornire assistenza alle vittime della rivolta, a prescindere dal credo e da qualsiasi altro fattore.

Vai alla notizia