Il gesuita Padre Assouad invita al dialogo per la pace e il bene del popolo siriano

«Bisogna avviare un dialogo profondo e sincero guidato dalla ricerca di una soluzione pacifica a favore del bene del popolo siriano e di tutti i popoli del Medio Oriente». Sono queste le parole di padre Victor Assouad, gesuita siriano e assistente del Padre generale per l’Europa occidentale, riportate dall’Agenzia Fides.

Parla«Bisogna avviare un dialogo profondo e sincero guidato dalla ricerca di una soluzione pacifica a favore del bene del popolo siriano e di tutti i popoli del Medio Oriente». Sono queste le parole di padre Victor Assouad, gesuita siriano e assistente del Padre generale per l’Europa occidentale, riportate dall’Agenzia Fides.ndo della difficile situazione dei cristiani nel suo Paese, Padre Assouad ricorda le ferite che nove anni di guerra hanno lasciato sul volto della Siria e le drammatiche conseguenze economiche e sociali in cui versa la popolazione: l’80% – riportano fonti locali – vive sotto la soglia di povertà, mentre l’85% non ha accesso all’acqua potabile e a servizi igienico sanitari.

In questo scenario, la condizione dei cristiani appare fragile e il loro numero in costante e drastica diminuzione. Per questo il padre gesuita rinnova l’appello dei Vescovi di Aleppo a un ritorno in patria di chi è andato via e invita a un dialogo per la pace e per il bene del popolo siriano. 

VAI ALLA NOTIZIA