Il governo egiziano legalizza 74 chiese e luoghi di culto cristiani

Le autorità egiziane hanno approvato la legalizzazione di 74 fra chiese ed edifici di culto cristiani. Lo riporta l’agenzia AsiaNews, insieme alle dichiarazione degli esperti del movimento attivista per i diritti umani e la libertà religiosa Christian Solidarity Worldwide (Csw) riguardo alla nuova normativa sui permessi per ottenere la legalizzazione degli edifici di culto. Oggi l’iter è meno complicato rispetto al passato, ma la legislazione resta comunque discriminatoria nei confronti delle minoranze. 

Mervyn Thomas, capo esecutivo di Csw, apprezza “la legalizzazione di altre chiese” e sottolinea con favore “gli sforzi del governo egiziano” per mettere fine a “storiche ingiustizie che colpiscono la comunità cristiana”. Al contempo, egli rivolge un incoraggiamento alle autorità perché “proseguano sul cammino delle riforme” e rivolgano maggiore impegno “nel contrasto delle ingiustizie sociali e in pratiche che continuano a limitare la libertà di culto”.

VAI ALLA NOTIZIA