ou trouver du cialis générique en pharmacie en france prix médicaments cialis forum acheter viagra en espagne acheter du viagra en france sans ordonnance achat de cialis generique

Il Coronavirus aumenta la disciminazione dei cristiani in Pakistan

I musulmani rappresentano circa il 96% della popolazione in Pakistan, mentre i cristiani, d’altra parte, sono a fatica il 2% del totale: le persecuzioni e discriminazioni avvengono già in condizioni normali. 

JEFF KING
Presidente, International Christian Concern
“In Pakistan, i cristiani vivono in una sorta di società inferiore a causa di problemi di lunga data che hanno a che fare con le persecuzioni. FLASH Pensi ai lavoratori delle fognature in Pakistan, ai ragazzi che scendono nelle fogne o spazzano le strade. Sa una cosa? Quando si aprono le domande per questi lavori, i musulmani non possono partecipare. Sono solo per i cristiani.”

Jeff King, presidente di International Christian Concern spiega l’impatto imposto dal lockdown per la pandemia da Covid-19. Dice che gli operai a giornata in Pakistan che sopravvivevano a malapena ora soffrono terribilmente la fame perché non possono più lavorare.

JEFF KING
Presidente, International Christian Concern
“In altri posti in Pakistan, i cristiani non ricevono aiuti alimentari. Il governo sta erogando aiuti alimentari, ma vengono negati ai cristiani. Questa dinamica non è nuova. Cose di questo tipo sono all’ordine del giorno. FLASH Quindi stiamo raccogliendo aiuti attraverso iniziative di fundraising per riuscire a trovare cibo. Abbiamo pacchi di cibo per le famiglie, che possano bastare per un mese, e stiamo progettando di farli anche per un paio di mesi.

King dice che i cristiani pakistani affrontano queste sfide inimmaginabili con fede, perché per loro è l’unico modo di andare avanti.

JEFF KING
Presidente, International Christian Concern
“Non è che la paura non ne faccia parte. È così. Lo è senza dubbio, ma in realtà sono chiamati a un livello superiore di fede, e a fidarsi, passando attraverso questa situazione. Se ci pensate, è quello che stiamo vivendo con COVID-19 “.

È proprio durante la pandemia in corso che lui ha potuto vedere  in molte persone una nuova capacità di compassione e solidarietà, che c’è grande impegno per aiutare i cristiani perseguitati a superare la sofferenza che sperimentano da molto prima che il coronavirus si scatenasse.