Persecuzione in aumento in India: gli integralisti usano i serpenti per minacciare i pastori cristiani

Da gennaio 2016 ad aprile 2020, Persecution Relief, un’organizzazione interconfessionale dedicata ad aiutare la Chiesa in India, ha riportato 1961 casi di crimini contro i cristiani nel Paese. È solo una piccola parte di episodi di questo tipo, come riporta Shibu Thomas, fondatore dell’organizzazione,

Ha raccontato la storia del Pastore Challodorai che, negli ultimi anni, è stato espulso da diversi edifici per organizzazione di eventi religiosi.

SHIBU THOMAS
Fondatore Persecution Relief
Era sera e circa 30 fedeli si  erano radunati in un locale in affitto per pregare. Era quasi buio quando alcuni integralisti si intrufolarono e incominciarono a  camminare nel campus tenendo il pastore per il collo. Hanno detto a tutti di andarsene e che dalla domenica successiva nessuno sarebbe dovuto andare lì.

Avevano dei serpenti in mano e dicevano ai presenti che se non se ne fossero andati, avrebbero lasciato un serpente lì e che li avrebbe morsi.”

Non si tratta di un episodio isolato. Persecution Relief ha registrato una rapida crescita nel numero dei crimini, incluse violenze fisiche e verbali e bibbie date alle fiamme.

Il lockdown nazionale non ha influito sul numero di casi. Anzi, Shibu Thomas, afferma che gli integralisti stanno identificando e tracciando i cristiani che portano aiuto durante la pandemia COVID-19.

SHIBU THOMAS
Founder, Persecution Relief
“Se un’organizzazione cristiana o un’organizzazione missionaria fa scorte, ad esempio di cibo, per le persone povere, immediatamente la gente del villaggio viene dicendo che  siamo lì per convertire le persone. Così un cristiano impegnato in qualsiasi attività sociale ora viene definito come “conversione”.

Così è una situazione molto pericolosa, persino il fare opere a sfondo sociale, se sei un cristiano.”

È proprio in risposta a questa situazione che vede i cristiani nel mirino che Persecution Relief offre supporto  finanziario, politico, legale e anche spirituale.

SHIBU THOMAS
Founder, Persecution Relief
“Noi abbiamo una preghiera perpetua per le persone perseguitare, perché rimangano saldi nella fede e nessuno di loro sia perduto. Il punto più importante è che non dovremmo provare odio per i persecutori, perché questa è la qualità di un vero cristiano.

Nonostante la paura per le continue minacce alla propria incolumità, molti cristiani in India, tra cui il pastore Challadorai, continuano a vivere con coraggio la loro fede, grazie al sostegno di organizzazioni come Persecuted Relief, la cui missione e motto è servire i perseguitati e amare il persecutore.