I giovani cattolici in Vietnam vivono la loro fede dando da mangiare agli affamati

Marie Le Tran Thuy Vi e i suoi amici cucinano e confezionano pasti a Phu Trung Church. Secondo quanto riportato da UCAnews, il suo gruppo, formato da 10 giovani, distribuisce tra i 150-175 pasti in 45 minuti ogni notte. Tra coloro che ricevono cibo nel centro di Ho Chi Minh City ci sono senzatetto, venditori di biglietti della lotteria, sorveglianti, tassisti con motociclette e addetti alla pulizia delle strade .

“Siamo molto felici di servire gratuitamente la cena a persone che hanno bisogno e aiutarli va oltre la pandemia Covid-19” ha detto la giovane laureata in pedagogia. “Noi siamo grati della loro presenza in quanto Dio ce li ha mandati perché potessimo fare qualcosa per aiutarli”

Mary Tran Thi My ha ricevuto con gratitudine una scatola di cibo mentre era seduta per terra vicino alla sua bicicletta rattoppata. “Ho vissuto grazie al loro cibo per giorni e questo mi fa trovare un grande conforto nella pandemia,” ha detto la signora di 57 anni che si guadagnava da vivere raccogliendo oggetti vecchi.

 

Tra coloro che sono entrati in questo virtuoso circolo di generosità c’è Ho Thanh Chi. Ha detto che la sua famiglia non ha soldi per comprare il cibo da quando suo marito e suo figlio hanno perso il loro lavoro a causa della pandemia. Ha chiesto due pacchetti di cibo per i tre membri della sua famiglia. “Non abbiamo mai sofferto questa situazione. Speriamo che la pandemia finisca presto”.

Vi ha detto che la pandemia Covid-19 è un problema molto serio ma ha anche aperto i cuori dei giovani, portandoli a tornare ai valori fondamentali e a dedicare più tempo al volontariato, alla carità e a servire il bene comune, seguendo la proposta dei vescovi locali ai giovani.

 VAI ALLA NOTIZIA