générique viagra sans ordonnance en pharmacie en france viagra pharmacie dakar cialis acheter forum 2019 cialis 10mg prix maroc acheter pilules bleues viagra acheter du viagra en ligne forum

Le organizzazioni per la costruzione della pace aiutano i cristiani presi di mira dai pastori Fulani in Nigeria

La Stefanos Foundation afferma che l’organizzazione “è stata in grado di fornire cibo a coloro che si trovano nei campi” e “assistenza medica per coloro” che sono stati feriti da attacchi violenti e cristiani.

Per oltre un decennio, le città della Nigeria centro-settentrionale sono state teatro di una serie di violenti attacchi da parte dei miliziani del gruppo islamista Boko Haram. Ora anche la milizia dei Fulani, un gruppo etnico prevalentemente musulmano, sta terrorizzando le comunità cristiane del Paese.

MARK LIPDO
Stefanos Foundation, Nigeria
“I miliziani Fulani arrivano di notte, armati di machete e fucili, spaventano la gente sparando a caso, colpiscono con il machete chiunque venga fuori e lo abbattono”.

Mark Lipdo della Stefanos Foundation, un’organizzazione che mira allo stabilimento della pace e partner di Release International, racconta il tragico attacco compiuto a metà maggio dalla milizia armata dei Fulani contro il villaggio battista di Gonan Rogo, nello Stato di Kaduna. Lipdo spiega che, oltre a far parte della strategia di occupazione dei pastori Fulani, questi violenti attacchi sono alimentati dall’intolleranza religiosa.

Per questo motivo Release International, che si dedica a fornire aiuti alle persone perseguitate, sta anche contribuendo con risorse economiche per aiutare coloro che sono stati feriti o cacciati dalle loro case.

MARK LIPDO
Stefanos Foundation, Nigeria
“Con i finanziamenti che ci ha dato Release International, siamo stati in grado di fornire cibo a coloro che si trovano nei campi. Abbiamo anche potuto offrire assistenza medica a coloro che sono in difficoltà, in particolare a quanti sono stati feriti da armi da fuoco, colpiti con il machete o altro. Hanno bisogno di cure mediche, ma spesso vengono trascurati e devono farlo da soli”.

Lipdo afferma che il governo nigeriano non è riuscito ad agire per porre rimedio alla situazione. Spiega che questo potrebbe essere dovuto al fatto che molti funzionari sono Fulani, e alla mancanza di sostegno.

MARK LIPDO
Stefanos Foundation, Nigeria
“Siccome la comunità internazionale non accetterà la nostra convinzione che i Fulani vogliono combattere una jihad per i loro interessi, li scuserà semplicemente perché hanno detto che stanno scappando dalla desertificazione”.

Il cambiamento climatico può assumere un ruolo importante, ma non rappresenta il quadro completo della vicenda. La comunità internazionale non può più ignorare la difficile situazione dei nigeriani di etnia non musulmana, in particolare dei cristiani, che si trovano minacciati dal completo annientamento per mano sia della milizia dei Fulani che di Boko Haram.