Cattedrale di Aleppo ricostruita. Fu distrutta da parte dei jihadisti durante la guerra

La ricostruzione è durata quattro anni ed è stata finanziata dalla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre e altre istituzioni.

I cristiani maroniti di Aleppo hanno ricostruito la loro cattedrale distrutta durante la guerra.

Questo video, che mostra la sua storia, è stato proiettato durante la cerimonia.

Fu costruita nel 1873 sopra i resti di una chiesa del XV secolo, e furono fatti dei lavori di restauro nel 1914.

Questo è l’interno della Chiesa così com’era prima della guerra.

Ma la cattedrale ha subito lo stesso destino dei cristiani di Aleppo e fu duramente colpita tra il 2012 e il 2016.

In modo particolare, nel 2013 i jihadisti cercarono di eliminare ogni traccia cristiana nella zona.

Quando questa zona della città fu liberata nel 2016, un piccolo gruppo di cristiani celebrò il Natale qui.

Ora con l’aiuto della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre e altre istituzioni, la cattedrale è stata ricostruita.

…e il risultato è imponente.

THOMAS HEINE-GELDERN
Presidente Esecutivo di Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS)
“Per noi la Cattedrale di Sant’Elia è un miracolo. È bellissimo che l’antico splendore torni a brillare. Speriamo possa essere ancora una volta il centro dell’intera comunità cristiana, così come era fino a questa guerra straziante.”

Thomas Heine-Geldern ha chiesto ai cristiani di Siria di visitare la nuova cattedrale e pregare per le migliaia di benefattori che hanno aiutato a finanziare questo lavoro.

Una luce di speranza in un orizzonte incerto. Mentre le ferite della cattedrale sono le prime ad essere state sanate, ce ne è un’altra che avrà bisogno di più tempo per guarite: Prima della guerra, si pensa che ci fossero circa 180.000 cristiani ad Aleppo. Ora sembra che non più di 30.000.

La ricostruzione di questa cattedrale maronita rappresenta un nuovo inizio per tutti loro.